24/01/13

Tutorial: l'impasto "nuvola" per giocare

In America viene chiamato "cloud dough" ed è il classico uovo di Colombo: si rimane meravigliati dalla genialità dell'idea, così come dalla sua assoluta semplicità.
In due parole? Farina e olio.
Il fine? Ore di intrattenimento giocoso (senza contare il bonus della manipolazione, apprendimento sensoriale/tattile ecc).

L'ho provata quando il mio bimbo è stato a casa con la congiuntivite. In altre parole, quando avevo in casa un bimbo con la voglia di fare e l'energia di un treenne sano, che doveva assolutamente essere distratto dal suo ritornello "mamma mi brucia l'occhio".

Ed ecco l'idea: proviamo il cloud dough o, come lo chiama lui, la "nuvoletta". E' un impasto farinoso, che non sporca e si compatta appena viene pressato in mano o in uno stampo, mantenendo la forma: come giocare con la sabbia al mare! Con 3 minuti di preparazione ci siamo garantiti ben 60 minuti di divertimento, praticamente una manna dal cielo.


Occorrente:
Farina
Olio
Stampini di varie forme (per biscotti, da spiaggia, da didò, a piacere)
Facoltativo: olio essenziale
Facoltativo: gessetti colorati

Caldamente consigliati: un grande vassoio e un grembiule, per salvare tavolo e vestiti.

In una terrina, mescolate bene farina e olio in rapporto 8:1 (es. otto tazze di farina e una di olio).
Versate l'impasto nel vassoio o sul tavolo e giocate con gli stampini, con le mani... insomma, come se foste al mare!

Può essere una buona idea aggiungere un paio di gocce d'olio essenziale per un gioco...profumatissimo!
Noi abbiamo usato l'arancia.
Abbiamo provato anche a colorare l''impasto sciogliendo due gocce di colorante per alimenti nell'olio, ma senza successo.
-E qui sono andata a documentarmi online: il modo migliore per colorare questo tipo di impasto è mettere un gessetto colorato in un sacchetto da freezer, ridurlo in polvere con l'aiuto di un mattarello o un batticarne, poi mescolare la polvere di gesso alla farina. Lo proverò la prossima volta!-



Una volta finito il gioco, mettete l'impasto in un sacchetto da freezer e conservatela per la prossima volta. Ah, e lavate le zampette dei vostri elfi, per evitare sorprese di questo tipo:
il maglione del papà

2 commenti:

Laura GDS ha detto...

Bello!!!!! mapperchè non ho scoperto il tuo blog prima?!?!!?!

Laura GDS ha detto...

Bello!!!!! mapperchè non ho scoperto il tuo blog prima?!?!!?!

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...