13/01/12

Tutorial: Bombe da bagno frizzoline

I bagni sono una cosa che appartiene al passato...ormai, solo docce veloci! Ahimè! Il pupo è l'unico che può permettersi di stare mezz'ora a sguazzare nella vasca da bagno. Quindi è l'unico che può usufruire delle bombe da bagno, con mia somma invidia. Qualche anno fa anche io le usavo...compravo le Ballistiche da LUSH, pagandole 5 euro l'una!
Un giorno i bagni torneranno a far parte del mio orizzonte, ma le bombe di LUSH non più...perchè me le faccio da sola!!!

Ingredienti:
100 g Acido citrico - in drogheria o farmacia
260 g Bicarbonato di sodio - al supermercato
Colorante liquido per alimenti - reparto decorazioni per dolci del supermercato o in bottigliette in drogheria (è più economico, ho pagato 3 euro di 60cc che mi dureranno una vita!)
Acqua
Uno o più olii esenziali a scelta (io ho usato vaniglia, zenzero, ylangylang e camomilla)
Facoltativo: amido di mais - reparto dolci o farine del supermercato
Strumenti:
Una bottiglia con spruzzino (va bene qualsiasi spruzzino, la mia è quella di un antizanzare finito)
Stampi: io ho usato una pallina trasparente per le decorazioni natalizie e uno scavino per melone; ma si possono usare anche le palline delle macchinette a gettone, formine per la sabbia, stampi per cubetti di ghiaccio o qualsiasi altro oggetto con una forma semplice e abbastanza duro da permettere di compattarci con forza la mistura.
Un asciugamano
Carta da forno

In caso vogliate variare le dosi, ecco come si fanno le proporzioni: due parti di bicarbonato e una di acido citrico (es due tazze di bicarbonato e una di acido citrico)

Mescolate molto bene in una ciotola il bicarbonato con l'acido citrico, poi mettetene da parte qualche cucchiaio. Servirà per riparare eventuali "danni" causati dall'eccessiva aggiunta di acqua.
Aggiungete nella ciotola -se lo volete usare- l'amido di mais. L'amido fa bene alla pelle ma diminuisce la "frizzabilità" delle bombe, quindi si tratta di scegliere fra salute e effetto scenico. Le bombe fatte con l'amido, inoltre, sono meno "dure" ossia sono più soggette a rompersi e sono meno facili da modellare con gli stampi in due pezzi.
Nota: se volete velocizzare le prossime preparazioni, potete preparare una grossa quantità di questa miscela e conservarla in un sacchetto ermetico, come ho fatto io (lo vedete in foto).

Riempite lo spruzzino con l'acqua e unite il colorante. Più ne mettete, più sarà carico il colore delle vostre bombe.

Aggiungete una dozzina circa di gocce di olii essenziali nella ciotola. Il numero esatto di gocce varia in funzione dell'aroma scelto e dell'intensità desiderata: è davvero il caso di andare "a naso".

Cominciate a spruzzare la mistura della ciotola con lo spruzzino, poco alla volta, mescolando continuamente. Quando la mistura "frizza" fermatevi e mescolate, poi spruzzate di nuovo.
E' la fase più delicata del lavoro: se non viene aggiunta la giusta quantità di acqua la bomba non riuscirà bene.
Ne serve quel tanto che permetta alla mistura di sembrare una sabbia morbida e leggermente umida e di compattarsi senza rompersi subito quando la premete tra le vostre mani (e quindi nello stampo). Fermatevi PRIMA di aver raggiunto una consistenza tipo didò e prima che si appiccichi alle mani. Provate frequentemente, aggiungendo ancora acqua se occorre.  In caso vi accorgiate di aver esagerato con l'acqua, aggiungete la miscela "di scorta" prelevata dalla ciotola all'inizio.

Quando la miscela si compatta fra le vostre mani e mantiene la forma che gli date, pressatela con forza nello stampo.  Se invece sono stampi composti da due parti, riempite le due metà fino all'orlo, senza pressare troppo, poi lasciate cadere un po' di composto in modo soffice su entrambe e pressatele con forza l'una contro l'altra: dovrebbero restare incollate.
Consiglio: se è la prima volta che provate, usate stampi (come uno scavino da melone) che non devono essere uniti due a due. E' difficile far restare assieme le due metà e all'inizio può essere frustrante non riuscirci.

Aprite lo stampo senza avvitarlo su se stesso.  Se la bomba non esce da uno stampo singolo, battetene delicatamente il bordo sul tavolo per farla uscire. Ponete le bombe ad asciugare per un paio d'ore su un asciugamano morbido ricoperto di carta da forno. Con le dosi indicate ho ottenuto 4 palle di 5 cm di diametro e 4 semisfere alte 3 cm. Costo approssimativo: considerando che gli olii li avevo in casa, meno di 40 cent a palla!!!

Nelle bombe si possono anche inserire piccole sorprese (io non lo faccio perchè il mio pupo è ancora nella fase assaggiotutto), petali di fiori, monetine, pupazzetti, o altro da poter "cacciare" sul fondo della vasca.
Wow, questo tutorial è venuto lunghissimo rispetto all'effettivo lavoro...in realtà è un lavoro davvero svelto, si tratta solo di pesare gli ingredienti, mescolarli e pressarli negli stampi.

Se sapete l'inglese e volete cimentarvi nelle bombe da bagno ben ferrati sull'argomento, questa guida vi drà tutto ciò che bisogna sapere. E' davvero supercompleta e ci sono un sacco di consigli utili, di cui io ho dato solo un sunto.

Se invece non sapete l'inglese e avete problemi con questo tutorial, scrivetemi all'email che trovate nei contatti.

5 commenti:

aly24j ha detto...

Ottimo tutorial, sono riuscita a farle al primo colpo (due "infornate", la prima una volta asciugata è risultata più porosa, devo ancora capire perché), ora non vedo l'ora di provarle!! E farne altre versioni (colore e profumo)!

Annanda ha detto...

Le diverse "infornate" contengono differenti quantità di acqua e questo differenzia il risultato finale... con la pratica si impara a capire qual'è il punto di umidità perfetto e a farlo sempre (circa) uguale.
Buon bagno!!!

Looneyt ha detto...

Ciao! Ho provato a farle con il mio bimbo grande che ne va matto ma già nello stampo (ho usato uno di silicone) cominciavano a gonfiarsi. Alla fine hanno perso completamente la forma, ma si sono seccate (tipo biscotti) e fanno il loro effetto. Secondo te avevamo messo troppa acqua o devo cambiare stampo? Grazie mille francesca

Annanda ha detto...

Lo stampo in silicone non è adatto: perchè mantengano la forma devono essere pressate con forza e il silicone non è abbastanza rigido da permetterlo.
Per "gonfiarsi" intendi che l'impasto frizzava molto? Se sì, hai aggiunto troppo liquido (e anche questo non aiuta a mantenere la forma).
Io comunque uso anche le bombe che per qualche motivo si sono rotte: ne aggiungo un pugno nell'acqua del bagno, tanto frizza lo stesso e il mio bimbo è contento.

archiLAURA.HomeDesign ha detto...

Grazie mille per i tuoi suggerimenti... oggi proverò a crearle con le mie figlie!
Speriamo vengano bene almeno la metà delle tue... ;)

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...